dal diario di Sara / oggi, qui

Non è questione di credere o non credere, né di affidarsi o di sperare. È questione di fiducia, è come voler bene. È, in effetti, proprio volere bene. Pensavo così mentre leggevo le persone che passeggiavano e animavano la strada, davanti a me un latte macchiato. L’unica volontà che spontanea …

oggi

Siamo palme sulla spiaggia. Siamo rocce che guardano a valle, siamo vita che scorre giù fino al fiume. Siamo arance amare. Siamo sabbia sul fondo del mare, baciati dalla chiara luce del Sole, siamo granelli di Luna di miele. Siamo pronti a restare.

#899 campi d’avena

Uscivo dall’acqua e lasciavo i capelli sciolti scendere lunghi fino ai fianchi e guardavo il nostro riflesso seguire le nuvole portate dal vento fino alla fine del mondo. Una coccinella volava e lasciava un’ombra leggera scendere fiera del suo ombreggiare, ma era la luce tenue della sera a dorare la …

#8 teoria dei giochi

Faccio ordine tra il passato che sogno e il presente in cui, un giorno, vivrò. Tra i dinosauri si nasconde dell’oro, tra le automobili ho trovato un omino che sempre sorride ignorando il destino che lo vuole ora triste per aver perso una gara. Tra le mani dei bimbi prende …

#203 eco

Soffiava il vento a disordinarmi le idee, ripeteva parole che non erano verbi ma voci come specchi nel deserto. Scomparivo. E ancora scompaio quando voi non mi vedete, io muoio e scompaio quando non mi cercate o non credete alle fate. Ma ormai io ho chiesto il miracolo più grande: …

GRÜN

Eravamo a Venezia tra i canali e le case con le finestre ben chiuse sul mondo. We sailed our railroad, we said nothing new but we did see the light of that new construction and siam rimasti abbracciati fino al porto vecchio da molti tempi ormai dimenticato, sommerso. Graceful was …

falce

Sorride una luna nel cielo, è una virgola tra oggi e domani, tra il blu buio e due stelle che, timide, mi guardan nascoste dietro un velo di nuvole come occhi di bimba, luminosi, malamante protetti dalla gonna di mamma. Cammino col naso scoperto a cercare, tra i rami di …

uno spazzino

La vede bene, la carta straccia, e legge disperazione, in ogni faccia. Spia i fogli, ne fa buffi origami, regala al cosmo i pensieri che ami. Ma come gli pesano, le nostre impressioni! E come lo imbrigliano le vostre canzoni! Si scopre e si lava, lascia andare ogni peso, in …

#101 adolescenza

Tra le lettere nascondevo i miei mondi dando loro mille voci più forti. Dietro gli occhi portavo le lacrime. Coi sorrisi abbracciavo le nuvole. Leggevo per ingannare il futuro, dimenticarmi del mio destino, far scorrere i giorni come le notti e le primavere come i lunghi inverni. Leggevo e scrivevo …