for a more universal love

ABBALLALA ah ha
sigurtà sigurtà lamahà
è una lingua che non conosco
eppure capisco

HEHEI SCHASCHA ö ö
fäß gä lamalai eu
canta la lingua che mi è vicina
ma fatico a seguirne la rima
e strabordo, sento troppo

Wey Soox ja ja kitt
areyajaa BO BO bo bo
what a wonderful sound
makes me embrace a more universal language
and engage myself with a – sono viva anche oggi

jovré sensé amatiriah h h
sanfret m fris quoi là
shall we talk Love or may I sing
that song which I belong to?
have you brought with you the ring?

ma qual era la canzone che cantavo
prima di nascere? quando ero ancora
una goccia d’acqua e mi somigliavo
con quali suoni costruivo l’ancora?

Love is love is love is love is
just as it is, as water it fills
the void that we allow. Ecco!
Ora ricordo: era solo silenzio
tutto intorno e al centro
del mio ombelico una parola:
ANCORA

e allora rispondo, riprendo
il mio canto alle stelle, le mie
AM NA AM NA NA cà
AM ORÖ ÖRAIAaa tat ta
e vualà


how would you make the poetess happier?