#33 al risveglio

e passano gli anni
e son trentatrè

vi tenete le mani
non sapete perché

vi guardate negli occhi
per cercare quel sogno
che è gioco di specchi
ch’è oltre il bisogno

percorrete un cammino
accendete il camino
vi curate del mondo

il quadrato non è tondo
ma insieme fan faville
nell’enigma delle stelle

e passeranno gli anni
e speriamo siano tanti

curatevi di voi
di cristallo son gli amanti


Dedicata ai miei genitori,  nel giorno in cui festeggiano il loro anniversario di matrimonio.

Dedicata ad una generazione che non ha potuto o saputo amare fino in fondo il proprio mondo.


how would you make the poetess happier?