#899 campi d’avena

Uscivo dall’acqua e lasciavo
i capelli sciolti scendere lunghi
fino ai fianchi
e guardavo
il nostro riflesso seguire le nuvole
portate dal vento
fino alla fine del mondo.

Una coccinella volava e lasciava
un’ombra leggera scendere fiera
del suo ombreggiare, ma era
la luce tenue della sera
a dorare la vela
tesa sul mare.

Arrivammo al porto in un mattino speciale
in cui le barche potevan parlare
e ci disse la nostra
al ritmo del cuore
che la coccinella era miraggio d’Amore.

Occhi negli occhi, rinunciammo al sogno
ed iniziò la Vita
dall’inizio del tempo.

Mano nella mano
costruiamo un punto fermo.