437 #originale

Chissà quante, come me,
hanno partorito tutto il proprio dolore
per vederlo poi vivo
davanti e intorno
nutrirsi del proprio stesso stanchissimo corpo
e poi crescere e giocare
a farsi amare.

Chissà quante stelle ci sono volute
per fare del Sole un figlio grande
e della Luna una grande nonna,
per far della Terra un pianeta
che sia casa di una grande famiglia.

Chissà quante volte, ancora
dovrò ricordarmi
di tacere
per lasciare parlare
la meraviglia.

Chissà
come sarà
quando avrò imparato
ad essere la tua mamma.