2002 #rancore

Raccolgo lamponi e le fragoline di bosco
nascoste tra fiori che non riconosco,
ne assaggio qualcuno, ti penso.

Ad occhi chiusi ricordo
il sapore che hanno i tuoi baci
quando mi abbracci e mi piace
perdermi tra le pieghe del tempo.

Un’ape mi ronza intorno, si posa
sulla camomilla che porto all’orecchio
e aspetto, immobile, a sogni spenti,
che riparta per il suo vecchio mondo
prima di tornare ad assaporare il mio orto.

Piovono petali sul tuo cappello
come neve che si scioglierà presto
ma tu li raccogli e li ascolti
raccontare ancora di quando erano rosa
bagnati di pioggia, erano casa
d’insetti e profumi e di tutto
quello ci sembra più bello.

Sono rimaste ormai solo le spine
su quel muro dipinto di verde e di blu
e anche le foglie saranno secche e
cadranno giù.