Salta al contenuto

Categoria: grammatiche

là dove il verbo anima, dove l’amore si fa coraggio, dove ogni sguardo corre verso l’abbraccio

infiniti modi

come pesci tropicali
tra onde di festa e correnti
di coriandoli e figli
ognuno nel proprio colore
vi ho visti crescere

mamma, – nonne –
papà,
vi ho visti

diventare nonni

come foglie sulla terra
tra le piogge forti e
scritte fitte sui fogli
senza calore
vi ho visti crescere

mamma, papà,
– nonni –
io vi ho visti

diventare grandi

come raggi di Sole
tra miliardi di stelle
lontane
nelle notti piene di sogni
vi ho visti guardare

fratelli, sorelle
io vi ho viste

vedermi

e solo adesso so
– solo adesso lo so –
che sono capace di amarmi.

tempo imperfetto

Scorre il fiume
quando la terra non lo frena, corre
tra le rocce, ancora torrente, e freme
e saltella
in cristalli di luce. Poi, si scioglie
negli altipiani, rallenta
e abbraccia fili d’erba
sottili, come il vento che, forte,
increspa gli specchi e porta un profumo
di primavera.

Seduti in riva al mare,
tra i capelli ricordi e sale,
noi invece siamo fermi
e continuiamo a sognare
finché il Sole non risorge
e appoggio la testa sulla tua spalla.

Ci prendiamo per mano, torniamo
verso casa, in paese.

Con il nuovo giorno

inizia la vita insieme.

imperativo

Una volta veniva l’inverno
a coprir con un velo le nostre
paure, riportarci vergini al giorno
in cui avremmo rivisto le foglie
tinger di verde e d’Amore
un mondo di fiori e d’incanto

ma oggi

oggi che l’inverno è scomparso
sotto il peso di un caldissimo sogno
sarà difficile riscoprirsi pronti
ad esser cristalli tra la materia informe,
farci creatori fedeli al disegno
e scegliere insieme un destino più bello?

Ritorniamo all’inizio.

La neve mai si riposa
sul mare in tempesta
e allora

dovremo rifare la terra.
S’alzeranno i ghiacci ed i monti
faranno spazio a fiumi e torrenti.
Siamo miliardi di luci e sorgenti
di vita vissuta
ma dimenticheremo ogni istante e momento
per far rinascere

Tutto. Così come è,

così come vuole,

così sia.