infinite rivolte

Alla ricerca dell’editore partii presto, poche le ore, e capii tardi, con gran dolore, che cercavo un motivo, un perché o un magari, un forse, un domani o qualcuno che trovi il senso che in me è vivo e scalpitante e chiede giustizia, giustezza vibrante, per manifestare dell’esistente la volontà …

#17 crocevia

La vetta era vicina, nessuna civetta. La valle l’avevo alle spalle, sulla pelle soltanto il bagliore della gioia infinita della corsa in salita, quasi finita. Una cerva aspettava me, bianca di luna tra la nebbia e la neve, sotto i pini. Una cerva bianca mi chiamava là in cima per …

scherzando, facendo versi

La mia penna è abbandonata in riva al fiume dove l’oca farà il nido a primavera e io non sono più sincera, perdo forza e volontà e perdo l’idea di chi sa d’essere amata e solo quando spunta il sole tra le chiome ormai già gialle ecco sento quel calore, …

amare al mare

Principessa, solo per te, si chiuda il sipario su quel che c’è. Chiudi gli occhi. La senti già la sabbia sotto i piedi? Senti il vento, t’accarezza, ti porta il profumo del mare. Benvenuta nella realtà virtuale. E adesso sogna, sogna in grande, una nave che salpa e parte per …

#18 meravigliosi spaziotemporali

Meravigliose radure e immense montagne e infiniti mari e sconfinate pianure e tenere le foglie luccicanti di rugiada e la giada, i diamanti, le farfalle e le api. Nelle storie splendenti di fantasie danzanti, meravigliosa è la pioggia e incantevole il ghiacciaio che si scioglie in cascata e meraviglia la …

#5 alle sorgenti del Nilo

Nella pubblicità c’era un bracciale tempestato di diamanti e una città che catturava i miei sogni e chissà se mi ci avresti portata, per Natale. Nella stanza c’era la scrivania, coi libri di testo e gli appunti e poi noi stesi sul letto a sognare l’amore e la vita scorreva …

#4 tra me e me

Mi sento sola quando non mi parlate, quando non so ascoltarvi, quando ho paura che siate troppo vicine o troppo lontane per sentire l’abbraccio, per giocare all’estate. Stasera vi ritroverò. V’aspetto e m’aspettate nell’autunno ch’è primavera e danzeremo oltre l’inverno fino al tetto dell’universo tra quelle nuvole che si fanno …

#3 mamma donna

Coi suoi misteriosi inganni, arrivò l’atteso autunno, e passavano gli anni e vestivamo nuovi panni e scrutavamo noi la luna interrogando la fortuna, cercando quel segreto che dev’essere svelato, ma cambiò il mondo rivelato, cambiò il vento e cambiai stato. Mi ritrovò la primavera, prima vera mia sincera compagna di …