101 / Alessandro

Scriveva. Scriveva da giorni ormai, senza smettere nemmeno per mangiare, per dormire, per leggere. La stanza si riempiva di fogli, sparsi ovunque. Un appartamento qualsiasi in un quartiere qualsiasi, ultimo piano senza ascensore, finestre sbarrate e porta blindata. Nessuna via di fuga, se capite quel che voglio dire. Un rifugio …