Salta al contenuto

Tag: apocalisse

pelle

Conosco almeno tre versioni
della mia vita su questo pianeta
e venti sempre diversi
mi raccontano le mie giornate.

Lascio impronte che non si fan riconoscere
e le mie parole
sono solo scintille
in un deserto di pietre
levigate dal mare.

Una sola cosa resta
sempre la stessa:
la voglia di amare la vita
così come Lei mi si manifesta.

Canto e rido mentre siamo insieme,
ci diciamo
ti voglio bene!

Ma non riesco a vivere
la mia gioia più vera,
lotteria vinta in una valuta straniera,
né posso scegliere
d’ignorarla e fingere
d’esister soltanto, qui ed ora,
terrena.

Ci batte il cuore
vieni a sentire!

Spenderò le mie ultime ore
tra apocalissi e severi finali
senza nome
e quando sarò finalmente immortale
morirò per rinascere
fenomenale.

#28 avvento

Questa mattina, oltre la foresta,
è bianco il roseto e croccante
alla vista di chi passeggia, perso
nel gelido freddo e nella magia
che portan la brina e la luce tardiva.

Cinguetta lo scricciolo e scricchiola
il ramo sotto il peso del corvo.
Oltre le ultime gelate foglie scorgo
un nido in attesa della nuova famiglia.

L’orso è in letargo, la lupa già arriva
e subito è notte, e subito mattina.
Si nasconde un topino nella nostra cantina.
Ho comprato un quaderno.
Scriverò l’inverno
in rima.