Carmen

Ti inviteranno fuori a cena una sera, quando sarai come un mondo grande, dritte e morbide le gambe. Ti inviterà, elegante e galante oppure semplicemente, com’è naturale quando si è parte l’uno dell’altra. Uscirai, mia piccola meraviglia, profumata, lunghe le ciglia, indosso un’emozione mai provata. Un’occasione si farà strada e …

E ah! Oh MY

e sto dalla vostra parte, sempre. e resto in me, ho imparato a fare i conti con l’infinito a sé stesso elevato. oh! c’est quoi une différence pour un cœur qui tombe sur l’amour même? e tutte le catene, rotte. e un fiume che scorre, anche di notte tra le …

cilindro

T’amavo a piedi nudi sulla neve e poi per i prati fioriti e tu mi amavi come una scoperta che ti riportava al senso del primo dissentire. Ed era semplice così, amando, disertare il tempo per abbracciar l’infinito. Al dito non portavamo anelli. Una collana di perle di lago, un …

spezzata

Questa poesia fa parte della raccolta RICORDI NELL’ETERNA ETÀ. Pensierino della sera fammi trovare la mia vena, che riporta al cuore del cosmo infinito, tutto l’amore che ho patito. Pensierino della notte riporta indietro la mia arte al cospetto dell’infinito, nel cosmo eterno e mai uguale che dei miei giorni …

#31 città del capo

Il riccio, il riccio venne da me e col potere del riccio capii perché è importante potersi fidar del tempo come di un fiume che scorre, lento e porta le pietre per la cattedrale e porta il riso per chi ha troppa fame. E colsi il motivo della mia immensa …

zer0

Mi faccio in quattro per te. Oh JE, oh JE. Provo a darti numeri più grandi per mostrarti l’infinito ma è una lettera quel che quadra il cerchio e da quando canto ho capito che misurare lo zero è fondamentale per oltrepassare il soprannaturale e im Leerraum reise ich weder …