Salta al contenuto

Tag: neve

es gab einmal une histoire à faire

Water flows
in rivers auf die Erde
nieder und in Bäumen
und im Himmel – sieht mal an
die Wolken are
snowing

slowly, slowly, slow snow snows,
touches the ground,
it goes
around corners, running,
it stops.

one drop. one flake.
one ocean, one fate.

stop. can you see? do you
remember?

anche oggi, come allora
nevicava

aber heute, wie nie gestern
schneit es una neve più
bianca, più libera e leggera
fatta non di polvere
né di zucchero a velo
ma d’acqua

to remember

like drops and like flakes

quel che siamo e saremo.

cristallo

Nevica.

Scivola il giorno sui pensieri grigi
veloce veloce
come le nuvole su Parigi.

Come le nuvole di Parigi
corron veloci i ricordi grigi,
vanno e vengono,
vengono e vanno
finché non si sciolgono
al Sole o nel pianto.

Nevica.

Brilla la città
bianca come una sposa
e sorride, ugualmente felice,
ugualmente fiduciosa.

La primavera arriverà
a portarci via dall’inverno
e sarà bello sapere
che non fu solo sogno.

Nevica
nelle sale da ballo.

#24 seconda meiosi

Vai dal panettiere,
compra il pane.

Prendi la biciletta,
oltre la collina,
oltre la strada, più in fretta,
veloce, scendi per la via
che pian piano ti appare.

Chiudi gli occhi,
fidati del vento e della terra,
lascia che il fuoco giochi
con i tuoi desideri, e ora,
proprio qui, apri il cuore
alla neve che cade, si rompe.

Torna indietro per la strada grande,
non raccontare niente.
Offri il pane a chi ha fame, sii
umana, sii il presente
che crede nella primavera,
a gran voce la richiama,
non aspetta, ma ricrea
la magia che li intrattiene
ma che, in te, avviene.