Salta al contenuto

Tag: nuvole

#899 campi d’avena

Uscivo dall’acqua e lasciavo
i capelli sciolti scendere lunghi
fino ai fianchi
e guardavo
il nostro riflesso seguire le nuvole
portate dal vento
fino alla fine del mondo.

Una coccinella volava e lasciava
un’ombra leggera scendere fiera
del suo ombreggiare, ma era
la luce tenue della sera
a dorare la vela
tesa sul mare.

Arrivammo al porto in un mattino speciale
in cui le barche potevan parlare
e ci disse la nostra
al ritmo del cuore
che la coccinella era miraggio d’Amore.

Occhi negli occhi, rinunciammo al sogno
ed iniziò la Vita
dall’inizio del tempo.

Mano nella mano
costruiamo un punto fermo.

cristallo

Nevica.

Scivola il giorno sui pensieri grigi
veloce veloce
come le nuvole su Parigi.

Come le nuvole di Parigi
corron veloci i ricordi grigi,
vanno e vengono,
vengono e vanno
finché non si sciolgono
al Sole o nel pianto.

Nevica.

Brilla la città
bianca come una sposa
e sorride, ugualmente felice,
ugualmente fiduciosa.

La primavera arriverà
a portarci via dall’inverno
e sarà bello sapere
che non fu solo sogno.

Nevica
nelle sale da ballo.

passeggiando

Heute ist die Sonne
con un velo di nuvole
leggero
vorbei gekommen,

sposa timida tra
weiße Wolken.

Disco bianco, rumore sordo
di cielo crollato
sul mondo. Schiacciato
il passato, ne è rimasto
soltanto il fondo.

Wohin? Wohin? Wir wollten
soltanto un passaggio,
perché allora
siam rimasti? A maggio
ti spiegherò
come ci si sente
quando finisce un viaggio,
a maggio ti prenderò per mano
e ad ogni passo
saremo tutto, saremo niente,

faremo noi il paesaggio.