Salta al contenuto

Tag: orizzonte

orizzonte

Uscire
per regalare sorrisi, e
raccoglier invece
sguardi sognanti e volti
sereni,
abbracci di pace e caffè
tra le vie di un presente
che mi riporta sempre
da Te.

Non guardo più la strada
su cui poggio i piedi
né mi ricordo di alzar gli occhi al cielo
ma fiduciosa procedo, fino a casa.
Ad ogni passo sento bussare
il cuore, e corro ad aprire,
come vedi,
per far entrare il mistero
che Tu sei.

Come sai,
è sul limitar dei miei giorni
che appendevo i miei sogni
ad asciugar dalle lacrime. Ma ora
li tengo addosso i miei fogli
e di notte
lascio spazio al sentiero
in cui tutto guarisce.

Entro in casa dalla finestra
con lo sguardo che ho imparato
e sistemo quel Tuo quadro
prima di bussare.

Venite a vedere
chi sono?
Ho portato in dono
il mio tempo.

Sul campanello era scritto:
MONDO.

universo

dev’esser così
essere Marta

mi dissi
mentre giravo
su me stessa
verso sinistra.

dev’esser così
quando è in alto la testa
e il cuore
batte i miei passi

pensavo
mentre giravo
intorno a me stessa,
intorno alla pancia
che mi fa festa.

E il Sole splendeva
E la Luna taceva
E la Terra,
la terra era calda e profumava di buono
E all’orizzonte
si tracciava il cammino
che percorreremo.

Un fulmine
a ciel sereno,
un tuono nel vuoto
dello spazio stellato,
un fuoco fatuo
eppure sincero.
Questo eravamo e

questo saremo.

#179 intreccio

Ho visto la primavera
in un filo d’erba.

In una goccia di pioggia
che non cadeva
ho letto la storia
di chi non c’era.

Nuvole dipinte, all’orizzonte,
oltre il lago,
mi han mostrato il sentiero del mago.

E foglie nuove, su rami secchi,
e vecchi col bastone e occhi,
tanti, pieni di tristezza,
e il mio cuore che batteva
l’eterno ritmo
della vita che mai si spezza.

Nel vento, angeli e fate
e tutte le scintille nate
tra le nostre mani, intrecciate.

Ho visto la primavera
anche nel tuo cuore.

Così sia,
tutto sia Amore.