Salta al contenuto

Tag: pianeta azzurro

complemento di luogo

cielo azzurro, e noi
in piedi
ancora nudi, sul prato
guardiamo l’estate
colorarsi d’autunno.

l’aria si fa più pesante
e noi
respiriamo un ricordo.
mentre il sole ci coccola
come le primule,
come le rose,
incuranti del cosmo
fioriamo

e quando sogniamo

l’azzurro è blu, è

mare aperto.

qui
è dove viviamo
il nostro momento.

discontinuità eliminabile

Azzurro come un principe
è il mio pianeta. Bella
come il Sole e ricca
come un cuore di mamma
è la mia Terra.

Oggi ho incontrato
la me stessa di ieri.
Forte l’ho stretta
in un abbraccio profondo
come l’Oceano, pacifico
e sereno come il cielo
che credevo limpido e terso
come un desiderio completo
e invece era deserto
arido, senza forma.
Le ho indicato le mille luci
oltre il cielo celeste
e lei mi ha guardata ma
non capiva. Capirò domani
quando l’ultimo vulcano
porterà a galla
la mia isola gemella
e le nuvole di rosa
profumeranno il mondo.

Piove, la pioggia io ascolto
finché batte, poi mi perdo, nel sogno
in cui la Vita mi chiama per nome.
Cullo mio figlio e
gli canto tante diverse parole
ma è sempre la stessa la musica:
AMORE

Ho visto le luci danzare
nella mia ora più bella.

All’alba, nel giorno del mio risveglio
tra le stelle famose ed il nuovo disegno
tornerà a scorrere, fluida,
la mia Via Lattea.

simmetria centrale

Si è richiusa la rosa
che ti ho regalato.

Il bianco nel nero
ha disegnato un bocciolo
e nero su bianco
alla nostra ora io canto
la libertà di chi osa
rinascere
senza morire.

Nel faro
è accesa la luce.

In preda ai tuoi venti
e a vecchi capricci
ti spaventi se senti
le sirene strillare
ma ora lo sai
che il mare è il nostro porto
e la rosa che abbiamo colto
tornerà a illuminare
la via di chi è in cerca
della terra
azzurra
oltre l’abisso che ci aveva inghiottito.

Guarda il cielo, guarda
come è cambiato.