Salta al contenuto

Tag: sogno

nuove culture, tra sogno e realtà

Metter radici in un primo di maggio,
è cosa da pazzi, le disse il faggio,
ma la ciliegia non volle ascoltare
e con pazienza si mise a scavare.

Le prime foglie brillavano, verdi
tra il verde di un campo dimenticato,
e la terra accoglieva quel suo capriccio
di far di un prato un frutteto ben ricco.

Poco distante, una lumachina
veloce correva per gustar la piantina
appena arrivata, mai vista prima,
ma al calare del sole si dovette fermare
e nella notte un gran temporale
la direzione le fece cambiare.

Sognò la ciliegia di esser già grande
e al risveglio si sentì forte forte,
scavò nella terra ancora un pochino
e fece amicizia con un lombrichino.
Il faggio, ombroso, le disse ora basta!
e la ciliegia ne ebbe abbastanza,
così nella notte un lampo chiamò
dal cielo stellato e il faggio bruciò.

Questa è la storia del ciliegio celeste
che scese dal cielo per incontrar il terrestre
che da un frutteto imparò che la terra
non si comanda, come una mamma
lei dona sé stessa
per far crescere il seme di chi la accarezza.


how would you make the poetess happier?

E ah! Oh MY

e sto dalla vostra parte, sempre.

e resto in me, ho imparato
a fare i conti con l’infinito
a sé stesso elevato.

oh! c’est quoi une différence
pour un cœur qui tombe sur l’amour même?

e tutte le catene, rotte.

e un fiume che scorre, anche di notte
tra le realtà e il sogno che mai smette
di pulsare, tutto dona, niente promette.

oh! c’est quoi l’amour
pour un cœur qui encore l’apprend?

my lover, on est on tour.


how would you make the poetess happier?

Lang lebe der Teddy!

Il coraggio di lasciarti andare
l’ho trovato nella voglia di mare.

Salty waters, saltier than tears
wiped away all my fears, healed
my chilhood dreams and still
I’m the one who stares at the stars
while you only want to cuddle
tra un abbraccio troppo stretto
e un letto disfatto. Come and swim!
ti urlo dal largo e poi Go and win!

Tra le coperte ti sei perso nel sogno
che era il nostro disegno, così ti insegno
che new childhood memories come true
when you learn how to feel in the blue.

Mi tuffo. Was ist das? Si è aperta
una finestra ferita sul fondale più buio
ma non muoio and you appear.

Wer bist du? Was sind wir
hier zusammen? Respiri.
Die Stunden werden zu unseren Räumen.


how would you make the poetess happier?

20 #luci #colorate

Sognavamo un pianeta azzurro
su una nuvola di luce bianca, che
ci salvasse dalla fortezza
delle nostre convenzioni.

Guardavamo nel futuro
con occhi grandi di speranza che
illuminavano la piazza
delle nostre tradizioni.

Credevamo nel crollar del muro
e nell’unità delle feste che
ci volevan finalmente uguali
ai nostri scritti ideali.

E questo pianeta ha una pineta verde
su roccia forte di montagna che
ci ricorda il senso delle finzioni.

E questo azzurro ha una luna bianca che
si è scelta un lato da tenere oscuro
per non scordare il suono
del primo pensiero buono:
mi fido dell’uomo.

Questo Natale mi regalo un tuono.


how would you make the poetess happier?

la nostra casa sull’albero

Una vita ad aspettare
di poter finalmente entrare

OH but in your heart is the secret of green leaves
e seduta sui gradini aspettavo
to be hold, to leave the world and enter
that space that we call love, that
time they say is Eternità

OH and in my heart is the secret of falling
e imparo a salir le scale che vanno
in soffitta, dove niente aspetta e tutto
cede, cade, preda del vento, preda
della mano che vuol il risveglio

EHY AH! The windows open
and my heart is not broken.

AH EHY! We are not fruits but
evergrowing trees E non siamo
sospesi ma in orbita

WOW è il grido che scriviamo
sulla porta che porta verso il divano:
offriamo un sogno a chi ne può fare a meno.


how would you make the poetess happier?

88 #vanitoso #orgoglio

In sogno stanotte m’è apparso
Orione. Bello, teneva una spada,
non sapeva il suo nome. Cinque
le stelle che, lento, m’indicava,
mostrandomi come si sovrapponeva
una costellazione alla composizione
di Giove e le sue Lune. Era
tutto chiaro nel limpido riflesso
dell’acqua calma del fiume.

Le piume del gufo eran bagnate.
Un pesce ha increspato lo specchio
ed il gufo è volato su un vecchio
faggio, alto e spoglio, per gridare
al destino di scioglier l’imbroglio.

Sono sveglia. Le mie dita ogni mattina
cantan le storie che trovo tra la brina.

Sono un’anima bambina.


how would you make the poetess happier?