tra i rumori del deserto

Arrivò la nuova era, sulle vette del confine tra ieri e domani, a illuminare il segno dei moti dei vecchi fuochi sommersi, preannunciando emergenti vulcani. Arrivò la nuova era, ed esplose. Esplose la montagna, esplose il confine, esplosero le cime più alte e tutta la catena a seguire. Esplose la …

#123 trifoglio

Ero in Irlanda e sorridevo mentre dormivo e non capivo che a sorridere era la vita che ovunque fossi mi veniva a cercare. Rose e viole e fate nei prati cercavano posto nei miei ricordi e corsi, a piedi nudi corsi, quando ero a Linate a guardare i decolli ma …

pelle

Conosco almeno tre versioni della mia vita su questo pianeta e venti sempre diversi mi raccontano le mie giornate. Lascio impronte che non si fan riconoscere e le mie parole sono solo scintille in un deserto di pietre levigate dal mare. Una sola cosa resta sempre la stessa: la voglia …

C’era una volta una parola rotta

Tra un palato troppo fine e la punta di una lingua ancora sconosciuta inciampò e, cadendo, esplose tutta, dalla radice alla fine del mondo. Qualcuno disse che fu per quello strano accento ma noi sappiamo bene che a minarla fu il tempo. Qualcuno provò a sistemarla aggiungendola, come una virgola, …

la storia di Fede e di Gaia

Correte bambine! Correte ragazzi! Venite ad ascoltare questa storia che la neve ha sussurrato fino al mare e poi nella notte è piovuta su di me – chissà perché! Correte! Portate a braccetto nonni, nonne e pupazzi! Venite qua a sentire la storia della notte in cui tutto cambiò – …

lampone

Tra il rumore dei tacchi e lo scorrer dell’acqua nel giocar degli specchi ho perduto il ritmo. Siamo arrivati terribilmente in ritardo. Ma adesso sappiamo che siamo vivi oltre ogni spazio, oltre ogni tempo. E allora perché rinunciar a questo momento? E così oggi, per l’ultima volta, ho pensato ai …

#12 risonanza

Non vorrei più dover imparare ma imparo e non dovrei più volermi scusare ma accuso sempre i soliti mali quando perdo il senso dell’essere vita vivente. Tu mi insegni che anche la gioia non conta niente ma io la scelgo, continuamente. Proverò a respirare per ritornar, trasparente, al luogo in …

#362 ragionevole temperamento

A metà strada tra il ricordo ed il sogno ci siamo fermati a guardare, sul fiume, il respiro leggero del vento. L’universo regala un esempio. Torno a casa e tra le mani mi porto un’anatra verde e uno spicchio d’arancia in una via illuminata dallo strappo nel cielo d’una Luna …