trasparenze

anche io

anche io ho avuto paura
quando tenevo lo sguardo fisso
sul mare calmo
e la tempesta infuriava di tuoni
alla finestra.

bussava la notte e bussavano i giorni
ma io studiavo, aspettavo,
fissavo

il mare
calmo

quando sarebbe arrivato?

anche io, poi

anche io ho aperto la porta
e sono uscita

senza paure sulla fronte

senza strada né direzione,
senza futuro né passato né tempo,
senza racconto

ho comprato del pane
per il mio bambino

e un caffè.

ho sfiorato la mano
di una sconosciuta

e ad occhi chiusi
tra le vie del centro
ho gettato la maschera
per un abbraccio

nel vento.


questa poesia conclude a posteriori la raccolta di racconti “di follie celesti e d’altri mille colori”, disponibile in cartaceo / ebook / kindle  in molte librerie online, per esempio su