Salta al contenuto

Mese: giugno 2021

the choices seeded

inebriante
una pioggia di peonie si rovescia
in the garden

toccando terra,
petali rosa, come guance in cerca di baci
al loro tempo, si arrendono.

poco più in alto,
tra le spine ronzano ali indaffarate
di chi non sa perder tempo
e io passo

holding an empty glass
pour le remplir de rien,
pour boire ma soif, entière.

ma quando il Mais mi chiama
io m’inginocchio e l’amo

con quella cura che è solo nostra
– humana –

e così, noi, il tempo,
creiamo.

beyond, beyond, beyond!

una responsabilità condivisa
che non permetta colpe
e un’umanità
made out of humans senza mai società;

un temporale da accogliere
così come vorrà

e il fiume che scorre, va.

unentdeckt

all the things in blue I saw
are the things that I don’t know,
are all things that I can’t miss,
all the things I still dismiss.

Himmel. ocean.

trasparenze tra buio e luce,
fiorellini di cielo
per corpi terrestri,
tra passi e parole che dissi
e che ora ripeto, nell’impeto
di una risposta senza domanda.

le nom d’une rue, au numéro 5.

all the things in blue you saw
are the things you’ll never know,
are the things you’ll never see
till you choose to let all go
and to follow He who’s free.

a feather, ein Fisch. Edelsteine.
Keine Rose, sondern
Vergissmeinnicht.