trasparenze

anche io anche io ho avuto paura quando tenevo lo sguardo fisso sul mare calmo e la tempesta infuriava di tuoni alla finestra. bussava la notte e bussavano i giorni ma io studiavo, aspettavo, fissavo il mare calmo quando sarebbe arrivato? anche io, poi anche io ho aperto la porta …

cappello di paglia

mattina e sera apro le porte. fuori forse impazza la paura o la stanchezza e di sicuro manca il coraggio di cambiare per restare vicini ma qui, qui dentro, tra le mie braccia respiro forte. a mezzogiorno guardo oltre la finestra e prima e poi sono nella mia stanza ma …

spirale

persa tra una nuvola blu e nera e una porta che non porta da nessuna parte presi il sentiero di mezzo fino al porto. persa tra una nuvola rosa e una porta che non porta da nessuna parte restai fissa a fissare la storia e richiusi le carte. persa tra …

piazza

Nell’acqua il rame, Terra, il pane e tutto quel che non riesce ad esser amato senza farsi del male, senza far male. Fuoco, nell’aria sottile, a scaldare l’idea di una vita pienamente vissuta tra le rose e le spine a rendere Grazie ogni volta per tutte le notti stellate e …

germoglio

fui seme nel buio poi pioggia e deserto nell’inverno di neve che a primavera si rivelò bosco fui fiore nel giorno poi bruco e farfalla e fui vento fino a cadere a terra, matura, in un tonfo di frutto fui marcia. fui seme forte, nel buio, poi terra, fertile, mamma …

giglio

Da quando, nello specchio, ho scoperto un sorriso rotondo ogni giorno, la vita, mi regala un nuovo mondo. Ieri, il presente è arrivato avvolto in carta da zucchero e fiocchi di nuvole rosa fin dentro casa e oggi il cielo blu è già scoperto e io ricordo quella sera in …

valzer

voleremo fuori dal nido sui prati fioriti al ritmo di una musica che ci vorrà abbracciati e correremo col muso fuori dalla tana a cercare il profumo della primavera e ci tufferemo poi in quel profumo ad occhi chiusi, come se fosse notte, come se fossimo amanti, come se non …

voglia di fragole

Scoccano i secondi mentre io bevo, mangio, canto e respiro mondi in cui tu ancora manchi ma già mi domandi i segni dei ricordi, una stella, terra da nutrire con la nostra danza. oh com’e banale la voce di chi vuol solo ringraziare! ma non senti come batte forte il …

legno

Continuamente cambiando, crescendo, cercando il Sole ma seguendo il tempo delle foglie non nate che, timide, temono l’ultimo freddo, abbandono il sonno e inizio un nuovo giro intorno all’anello. Faccio a pezzi una vecchia identità, quella voglia di stare al mondo che mai m’apparterrà, una finta stanca stufa caparbietà e …