Salta al contenuto

Tag: abbraccio

once upon

the piece below appeared last year in the issue nr.8 – titled UNFUG –  of the magazine “Yoga im Kopf” by Julia Freiberg, welches gleichzeitig Workbook und Inspiration ist.


a place
– can you imagine? –
fisso nei ricordi di un tempo
where everything was just a thing
there, there
was this tiny tiny thing,
anway smaller
than the smallest kiss
a tiny tiny thing that
became suddenly so huge and big
oh! there, esplose.
daneben, nur Nebel
in einem Gefühl von Geborgenheit,
die keiner sehen könnte
e un abbraccio grande
rimasto senza gambe
senza cuore, senza testa,
alles umfassend, alles
zerstörend.
schon wieder
mi sono persa in chiacchiere

voglia di fragole

Scoccano i secondi
mentre io bevo, mangio, canto e
respiro mondi
in cui tu ancora manchi
ma già mi domandi
i segni dei ricordi, una stella,
terra da nutrire
con la nostra danza.

oh com’e banale
la voce di chi
vuol solo ringraziare!
ma non senti come batte forte
il ritmo originale?

Siamo qui
per celebrare in eterno
quel punto mai fermo,
istante fecondo,
in cui sempre si ricrea e si creò
tra madre e figlio l’abbraccio.

Con i semi tra i denti

sono qui,
ti aspetto.

inversione ad U

Non è musica nell’aria
ma uno strano strano vento
che accompagna questa storia
all’origine del tempo.

Stiamo danzando?

Restiamo abbracciati
mentre batte forte il ritmo
di tutti gli attimi già visti
e tra quelli già vissuti
il silenzio ci fa nudi.

Siamo tuoni o siamo fulmini?
Qual è la direzione
della nostra confusione?

Sii tu fulmine, fammi tuono!
Fai di me, aria vergine,
una gloria a tutto cielo!

Abbracciati, torniamo,
e se prima uscivamo adesso ci uniamo
tra uno sguardo sul mondo
ed un punto fermo, ruotando.