Salta al contenuto

Tag: amore

discontinuità eliminabile

Azzurro come un principe
è il mio pianeta. Bella
come il Sole e ricca
come un cuore di mamma
è la mia Terra.

Oggi ho incontrato
la me stessa di ieri.
Forte l’ho stretta
in un abbraccio profondo
come l’Oceano, pacifico
e sereno come il cielo
che credevo limpido e terso
come un desiderio completo
e invece era deserto
arido, senza forma.
Le ho indicato le mille luci
oltre il cielo celeste
e lei mi ha guardata ma
non capiva. Capirò domani
quando l’ultimo vulcano
porterà a galla
la mia isola gemella
e le nuvole di rosa
profumeranno il mondo.

Piove, la pioggia io ascolto
finché batte, poi mi perdo, nel sogno
in cui la Vita mi chiama per nome.
Cullo mio figlio e
gli canto tante diverse parole
ma è sempre la stessa la musica:
AMORE

Ho visto le luci danzare
nella mia ora più bella.

All’alba, nel giorno del mio risveglio
tra le stelle famose ed il nuovo disegno
tornerà a scorrere, fluida,
la mia Via Lattea.

ritorno

Dalla spiaggia del mio
continuo pensare, mi piace
affondare lo sguardo nel mare
del tuo respiro che scende, che sale.

Prima terra emersa nel mio
eterno navigare, mi hai portato pace
dando vita al verde
all’incontro tra il buio e la luce.

Rosso magenta, in quel
verde speranza ho rivisto le mie stelle
nella loro eterna incredibile danza.

Azzurra a coprire quel
cuore che pulsa di fuoco e passione,
mi hai dato un nuovo nome:
Amore.

Pensiero sfuggente, in te
ho imparato a restare. E resto
per sempre in te
per morire e rinascere.

Come fiumi scorriamo
tra le valli e poi in piano
là, dove sconfinati sono i campi
accarezzandoci.

Come montagne, ci addormenteremo
guardandoci.