papavero

Pensavo alla vetrina coi colori ancora chiusi e ho battuto forte il naso contro un giorno senza fiato speso a tessere le lodi di un’idea senza fortuna. Sarà il rosso o sarà il viola a segnar questo tramonto? Sogneremo un verde abbraccio o vivremo nell’azzurro oltre il blu del grande …

2002 #rancore

Raccolgo lamponi e le fragoline di bosco nascoste tra fiori che non riconosco, ne assaggio qualcuno, ti penso. Ad occhi chiusi ricordo il sapore che hanno i tuoi baci quando mi abbracci e mi piace perdermi tra le pieghe del tempo. Un’ape mi ronza intorno, si posa sulla camomilla che …

semitoro

Cresceranno le fate nella mia giungla, sapete? Lascio libero il groviglio attorno alle mele di dicembre e spoglio il foglio dalla mia ultima firma. Nella notte, resterò scoperta senza sentire freddo né quella strana voglia di raggiunger le stelle. Sono belle, le mie stelle, viste dalla terraferma. Ma cos’è una …

#200 sorprendersi

Dal melo una mela mi guarda, cade. Caduta la mela, la guardo, la raccolgo, mordo la mela e mi accorgo che è buona, matura. Oltre i rami e le foglie ti scorgo. Ti offro una mela, ti invito a morder la vita. Perché hai paura? Chiudi gli occhi. Cosa vedi? …

#6 abbandono

Cammino e mi fermo nel giardino dalle foglie grandi di piante esotiche e vecchi ricordi dal tempo che fu quando nient’altro ero che una fantasia e tra il verde e il fucsia e tra il bianco ed il blu le mie capriole come rugiada rallegravan il sentiero di chi andava …

#14 calibrando

Ho piantato un albicocco, ho sognato una mia amica, ho scansato vecchia vita e adesso son qui, sfinita. Era bello il mio giardino con i rovi e anche l’abete, vicino all’inverno. Non ho mai estirpato niente, nel mio cuore trova un posto tutta quanta la mia gente e anche chi …

cilindro

T’amavo a piedi nudi sulla neve e poi per i prati fioriti e tu mi amavi come una scoperta che ti riportava al senso del primo dissentire. Ed era semplice così, amando, disertare il tempo per abbracciar l’infinito. Al dito non portavamo anelli. Una collana di perle di lago, un …

maintenant

Komm, wir gehen jetzt heim. You say and I follow you, and I fall on the way again and again in love with your eye. Ero piccola, ma vi seguivo e seguendovi spostavo orizzonti e confini. Mi offrite, ora come allora, té nero bollente – lave de volcan, lave rouge …

#58 pepite dorate

Sul sagrato ho bevuto champagne ieri sera. La bicicletta che mi aspetta in cortile è dello stesso colore del sogno che mi vuole portare più in alto. Svengo. Ho finito il caffè stamattina, da sola. Le nuvole cambiano forma e la luce che filtra tra le crepe del cielo mi …