Salta al contenuto

Tag: sabbia

saved (our souls)

Una grande pioggia e fortissimo vento
a calmar la tempesta di sabbia.

Castelli di rabbia che fragili crollano
nel mostrare che il sogno era spinto dall’incubo
di restare da soli senza la mamma
nel silenzioso cosmo deserto.

How many feelings can we tell in a second?
Which is the memory
we are going to keep feeding?

Je suis perdue. Une fanfare
me redonne le sens de les temps.

We won’t follow dreams anymore,
nor will we build on the wounds
d’un passato tremendo but
we will smile to our fellows
e impareremo ad amarci
nell’azzurro splendente.

Le Soleil est revenu
ad illuminar le stelle nel blu ora morente.

Tutto è come è.

Non siamo più bambini impauriti. We are
the fathers, the mothers

di questo momento.

palmo

ma dove vanno a dormire
le gocce di pioggia
infrante
sull’asfalto brillante
di un sole lontano?

sono andata a cercarle
invano
alla fine del tempo
che tenevo in mano.

le ho trovate
nel mare
tra le onde e il richiamo
dei castelli di sabbia.

vivono ancora, tutte.
ed è strano ma è vero
che siamo soli, illusioni e mistero.

#16 ricreazione

Una nota sull’eterna plancia
si disegna esatta tra le danzanti sabbie.
Ogni granello ha il proprio posto
e insegnan tutti lo stesso suono.

Se provo a cantare, stono.
Questo pensiero sai, permette
di dare voce ai sogni in cui noi non siamo
dove i gabbiani galleggiano, ma voliamo.

Le mie gambe mi tengono a galla.
Siam molti perché siamo un grandioso coro,
siamo tanti per poterci abbracciare,
siam molti per giocare a rischiare
di perderci e nel ragionare
costruiamo sulle sabbie le torri
che ogni sera guardiamo crollare e sparire.

Qualcuno pensa sia un gioco
che vale troppo poco e si butta
tra le braccia di chi sa raccontare
cosa muove le onde del mare.
Là una barca. Dove ci può portare?

Ogni mattina la luce risorge
a illuminare la sabbia che resta.
Passeggia una tartaruga, si tuffa.
Cedo al mio cuore il passo del ritmo.
Con un passero, allegramente cinguetto.

E ballo! E finalmente sono sabbia anche io!

E volo! E finalmente vedo il nostro disegno.

E nuoto.

E canto quel suono che vibra nel vuoto.