ombelico

Assomiglia, questa stanchezza, ad un lago senza fiume, prosciugato, rimasto fango in cui ogni passo affonda. Rimango ferma a guardar le nuvole passare, lente, sopra la mia testa. Aspetto il segnale del vento ma intorno a me ascolto solo silenzio e quando soffia forte il richiamo mi trova a sorridere …

grumo

La caffettiera ritrova equilibrio e io cambio pelle anche se ancora stringe la cinghia che mai mi picchiò. Andremo a vedere gli animali dell’Africa e proveremo ad ascoltar il silenzio per sentire il suono del grande tamburo. Vorrei poter invitare un’amica a cercar con me il centro ai confini del …

passeggiando

Heute ist die Sonne con un velo di nuvole leggero vorbei gekommen, sposa timida tra weiße Wolken. Disco bianco, rumore sordo di cielo crollato sul mondo. Schiacciato il passato, ne è rimasto soltanto il fondo. Wohin? Wohin? Wir wollten soltanto un passaggio, perché allora siam rimasti? A maggio ti spiegherò …

cappuccio e cornetto

Milano. Soffocar di parole il disagio, una mostra a Palazzo Reale, l’illusione d’esser parte di un mondo che mai mi vorrà, una domenica al lago, sul pedalò. Al bancone di un bar, lo sguardo ho perso e sorseggio la vita, come prima di un viaggio. Ritorno a casa, senza passare …

#41 volta celeste

Non può essere un cuore in tempesta al centro del mio vagabondare. Il coniglio nel sogno aveva gambe di vitello e la sua pelle era nuda, era pelle d’agnello. La pelliccia che ora indosso è morbida, barba posticcia d’un travestimento che svesto per lasciarmi baciare dal Sole. Mie son le …