giglio

Da quando, nello specchio, ho scoperto un sorriso rotondo ogni giorno, la vita, mi regala un nuovo mondo. Ieri, il presente è arrivato avvolto in carta da zucchero e fiocchi di nuvole rosa fin dentro casa e oggi il cielo blu è già scoperto e io ricordo quella sera in …

legno

Continuamente cambiando, crescendo, cercando il Sole ma seguendo il tempo delle foglie non nate che, timide, temono l’ultimo freddo, abbandono il sonno e inizio un nuovo giro intorno all’anello. Faccio a pezzi una vecchia identità, quella voglia di stare al mondo che mai m’apparterrà, una finta stanca stufa caparbietà e …

#55555 di necessità virtù

Roccia. Senza vita, roccia, su roccia, dal fuoco sboccia. Fiorisce d’acqua una pietra ed è subito casa di miliardi di alghe e una formica. Nuoto. Tra le maglie del possibile mi chiede mia figlia quanto spazio vorremmo lasciare alla meraviglia? In volo scorgo una carta mai vista e mi rattrista …

VIOLET

In your day you are looking far away in the sky, looking for un profumo, un ricordo nuovo, una luce che credevi per sempre persa. Scosti dal volto un’ombra e dalla tua grotta lanci il grido irrisolto di sempre. Oh, Gott wo bist du? Warum ist hier immer so dunkel? …

tra i rumori del deserto

Arrivò la nuova era, sulle vette del confine tra ieri e domani, a illuminare il segno dei moti dei vecchi fuochi sommersi, preannunciando emergenti vulcani. Arrivò la nuova era, ed esplose. Esplose la montagna, esplose il confine, esplosero le cime più alte e tutta la catena a seguire. Esplose la …

#123 trifoglio

Ero in Irlanda e sorridevo mentre dormivo e non capivo che a sorridere era la vita che ovunque fossi mi veniva a cercare. Rose e viole e fate nei prati cercavano posto nei miei ricordi e corsi, a piedi nudi corsi, quando ero a Linate a guardare i decolli ma …

pelle

Conosco almeno tre versioni della mia vita su questo pianeta e venti sempre diversi mi raccontano le mie giornate. Lascio impronte che non si fan riconoscere e le mie parole sono solo scintille in un deserto di pietre levigate dal mare. Una sola cosa resta sempre la stessa: la voglia …

lampone

Tra il rumore dei tacchi e lo scorrer dell’acqua nel giocar degli specchi ho perduto il ritmo. Siamo arrivati terribilmente in ritardo. Ma adesso sappiamo che siamo vivi oltre ogni spazio, oltre ogni tempo. E allora perché rinunciar a questo momento? E così oggi, per l’ultima volta, ho pensato ai …